Pubblicato da: pensierieperline | 6 agosto 2013

Come stai?

Mannaggia, come direbbe il caro Arthur, non ho idea di quante volte io abbia scritto e cancellato l’inizio di questo post; per non parlare del tempo che ho passato a fissare questo “foglio” bianco, vedete tutto improvvisamente diventa difficile quando ti ritrovi a scrivere sul tuo blog dopo …. quanti mesi?… già, 8 mesi! Cavolo è come un anno se vogliamo dirla tutta, un anno che ho perso di voi e voi di me. Non temete ho già sbirciato la casella mail e ho preso un coccolone, ne ho di cose da recuperare… spero solo di non impiegarci altri 8 mesi… e se per caso nei primi tempi cadrò dal pero riguardo qualche argomentazione, cercate di essere clementi con la Lely 😀
Veniamo a noi e al toto “che fine ha fatto la Lely per 8 mesi?”. Qualcuno di voi lo sa già, altri invece no… beh, sono stata lontana dal mio blog e da voi amici e vicini per forze di causa maggiore ovvero la mia salute che non è stata affatto al top.
In “breve” mi sono ritrovata sdraiata su un tavolo operatorio per una “banalissima” ciste suppurata.
Ora non che le cisti spuntino dalla sera alla mattina.. io ero a conoscenza di questa piccolissima pallina che aveva le dimensioni di un cerino… nonostante il dermatologo mi avesse intimato di toglierla io per paura dell’intervento ( il primo in vita mia) ho preferito tenermela, tanto fastidi non me ne dava era solo un fattore estetico e per la posizione in cui era, beh solo in costume si sarebbe vista! 😛 Fatto sta che a novembre dalla sera alla mattina mi si è gonfiata la gamba è diventata tutta rossa/viola e faceva malissimo; il tempo di recarmi il giorno successivo dal medico e questa “ciste” era arrivata alla dimensione di un arancia… il medico, visibilmente preoccupato, mi ha subito prescritto una terapia antibiotica e una pomata antibiotica da applicare localmente unita da una bella richiesta di visita chirurgica con bollino verde -.-” quello che mi sono sentita dire da lui non mi ha per niente rassicurata, anziiiiii mi ha agitata ulteriormente! Perciò alla fine ho preferito andare in mano a un chirurgo di fiducia che aveva già operato i miei genitori. Mi ha ricevuto quasi subito e vista la situazione “grave” non mi ha lasciato tornare a casa ma mi ha operato a distanza di poche ore… un’operazione che rimarrà per sempre impressa in me… basti pensare che a causa della vasta infezione io non abbia sentito i benefici delle 8 punture di anestesia e quindi abbia sentito tutta l’operazione, incisione compresa. 😐
Di solito chi si opera di cisti se la cava in 15 giorni perché l’intervento consiste nella semplice asportazione della pallina di “grasso” (ovviamente l’anestesia viene presa e non si sente nulla), viene suturata la parte e in 15 giorni o meno i punti sono pronti da togliere, se il chirurgo è bravo non rimane neanche la cicatrice; ma nel mio caso quando è suppurata significa che la pallina è “scoppiata” e che il suo liquido infetto sta infettando tutti i tessuti circostanti proliferando alla grande ed espandendosi a macchia d’olio perciò l’operazione richiede più meticolosità affinché venga ripulita bene tutta la parte e non scappi neanche la più piccolissima parte di liquido.. generalmente il 90% di queste operazioni richiede un successivo intervento perché  è facile che si riformi  la ciste ma in questo successivo caso viene affrontato come una ciste normale.
Quando è suppurata i punti non vengono dati perché se no farebbero immediatamente infezione e quindi la ferita viene lasciata “aperta” con l’ausilio di uno staffo o tampone che viene cambiato a distanza di max 2 giorni… e devo dire che le prime medicazioni non sono state neanche loro una passeggiata visto che ero fresca di operazione e perché lo staffo aveva le dimensioni di un bicchiere d’acqua.. tant’è che mi avevano dato il soprannome di caverna -.-” tanto aveva dovuto scavare il chirurgo… 😦
sono andata avanti parecchio con il tampone… perché se dopo i primi 3 sembrava andasse tutto bene subito ho avuto una complicanza e anche se la ferita iniziava a rimarginarsi mi hanno dovuto riaprire con le pinze per far spazio al nuovo tampone.. e così per altre volte… sembrava non dovesse finire mai! Poi ho iniziato il lungo cammino verso le creme antibiotiche e i vari disinfettanti.. ma anche qui c’era sempre qualche ricaduta.. 😦 finché sono passata nel circolo vizioso delle “ulcerette”, ovvero: la ferita andava bene sembrava rimarginarsi ma a pochi giorni iniziava a far male e a spurgare materia, si formava dopo giorni una timida crosticina che a breve tempo perdevo perché si ripresentava la materia 😦

Quando un giorno avvenne la svolta, mi recai per una visita di controllo da un medico specialista (non c’entrava nulla con la mia ciste) e lui vedendo la mia difficoltà nel sedermi ( si perché per tutto questo tempo e ancora fino ad oggi non mi sono seduta sono rimasta sdraiata per mesi nel letto.. poi sempre in piedi e poi qualche volta seduta storta cercando di tenere la gamba sinistra fuori dalla sedia) mi chiese il motivo, volle vedere la ferita e iniziò a scrivere su un foglio, non proferì verbo fino a quando non ebbe finito di scrivere… poi attaccò a parlare come un fiume in piena e li scoprii che era anche omeopata. Benché non abbia mai avuto grandi aspettative, anzi abbastanza scetticismo decisi di provare.. tanto non potevo certo peggiorare. Beh grazie all’omeopatia io ora sono qui a scrivervi…

Questo è più o meno tutto quello che è successo alla Lely… ho fatto una vita monacale, non sono quasi mai uscita, se non ricordo male ho iniziato a farlo per brevi passeggiate subito dopo Natale, passeggiate che consistevano nel giro dell’isolato dove mi stancavano parecchio anche perché la camminata non era per niente fluida e a volte il dolore mi fermava… il Capodanno l’ho passato in piedi in compagnia di amici che mi hanno fatto sentire coccolata e amata.. poi è iniziata la mia esperienza con il forno.. ovvero ho iniziato a pasticciare con gli ingredienti e a sfornare biscotti, cup cake, muffin e torte! Le perline ho iniziato a toccare qualche settimana fa… non le ho abbandonate, ma in piedi i lavori non mi venivano.. non erano mai precisi e i nodi sempre molli e approssimativi tant’è che era meglio che mi dedicassi alla cucina.

In tutto questo i periodi NO non sono affatto mancati e la voglia di “sparire” dal mondo si faceva sempre più insistente.. non volevo vedere e sentire nessuno.. come mi avrebbero visto? Zoppiccante, dolorante e vestita sempre in tuta con pantaloni extralarge.. cosa avrei potuto raccontare se non cosa mi diceva il chirurgo, perciò nella mia mente era meglio così estraniarmi dalla vita che scorreva accanto a me. Questo comportamento non mi ha portato grandi cose… alcune persone si sono dimenticate di me, nel senso che hanno preferito chiudere totalmente i rapporti… altre invece hanno insinuato che le mie fossero solo scuse per non frequentarli.. che la mia ciste non poteva avermi causato tutto ciò per tutto questo tempo… beh che dire, ognuno ha le sue idee e io non posso far altro che rispettarle.

E voi, cosa avete combinato in mia assenza?!? si, lo so non devo far altro che leggere.. ma se volete anticiparmi qualcosa… io sono qui 😛

Ecco dovrei anche informarvi che a settembre mi aspetta una visita dal chirurgo per controllare che la ciste non si sia riformata e che l’altra (ebbene in questi mesi sempre sulla gamba sinistra ne è comparsa un’altra e sotto di essa più in profondità ne ho un’altra più grande)non debba essere operata, ma non temete questa volta mi sottoporrò subito all’operazione e male che vada per 15gg non sarò presente.

Cosa ho imparato da questa esperienza? Mai rimandare! La paura non può bloccarti..
io per paura di un piccolo intervento, del dolore che avrei potuto sentire (da paurosa quale ero) non mi sono sottoposta e cosa ne ho ricavato? Un operazione più lunga, un dolore atroce e un post operatorio da “incubo” (so che c’è di peggio quindi passatemi questo “incubo”) ma almeno avevo un chirurgo comprensivo che andava piano e che faceva di tutto per farmi ridere anziché piangere. Ho trovato sulla strada medici competenti che mi hanno aiutata in tutti i modi, per medicarmi e visitarmi anche se era giorno di festa loro c’erano sempre. E io non posso far altro che ringraziarli. Perciò se per caso in questo momento questo post è stato googlato e tu che mi stai leggendo hai una ciste, programma una visita dal dermatologo e poi dal chirurgo e se ti dicono di toglierla non preoccuparti per l’intervento, non fare come me.. non entrare in una lunga spirale…

Prima di lasciarvi vorrei segnalarvi una cosa a cui ho fatto in tempo a partecipare, si tratta del progetto di Morena Fanti, Scrivere Giocando… se avete voglia di un po’ di fresco e di qualche racconto natalizio ( un po’ di neve e di magia con questo caldo non guasta mai) inoltre è disponibile anche in formato rivista da sfogliare anche in spiaggia, lo trovate qui.
Io ho contribuito con un tutorial perlinoso… ma non voglio svelarvi oltre!
Adesso scappo a gustarmi la rivista sono 8 mesi che me la sogno anche di notte!! e ora che posso finalmente sfogliarla non mi sembra vero!! Prima però voglio ringraziare Morena per avermi ospitato in questo progetto per essere stata comprensiva e gentile nei miei confronti e Arthur per aver creato il magazine (adesso mio caro posso finalmente vedere cosa hai combinato con il mio tutorial) a voi due mando un grosso bacione e ringrazio con tutto il cuore per aver scelto la mia foto per la copertina e… ho i lacrimoni!! ma di gioia *_______* (sono appena tornata e già mi fate piangere!! )

A presto
Lely

Annunci

Responses

  1. Oh che post lungo, bentornata!!!
    Non posso leggerlo adesso, chè sto per andare a mangiare, ma ti volevo lasciare un bacione lo stesso!
    Più tardi leggo tutto!

    • Ciao Vale!!!! *_________*
      si sono tornata e l’ho fatto con il botto.. nel senso… un botto da leggere!! 😦 😆
      insomma prima non sapevo che scrivere e poi non riuscivo a fermarmi… mai una via di mezzo 😛
      Buon appetito
      un bacione!!
      a presto
      Lely

      PS: adesso scappo pure io… la pappa è pronta ;D

  2. Lelyyyyyyyy cucciola, bentornata. Dai forza, hai dovuto sopportare tanto ma per fortuna è tutto finito bene e questo è l’importante. Sai, hai perfettamente ragione, soprattutto per quanto riguarda la salute non bisognerebbe mai rimandare niente, il tempo può solo peggiorare la situazione in molti casi, difficilmente se ne esce da soli. Ho letto tutto quello che hai scritto, un’odissea, non c’è che dire, mannaggia mannaggia.
    Ora non sparire un’altra volta, anche se in questo periodo tutti diventiamo latitanti per vari motivi, l’importante è mantenerci in contatto, anche con un semplice saluto.
    Ciaooooo, Pat

    • Ciao Pat!!!
      si ti do ragione.. non vedevo mai la fine in niente.. l’illusione di star meglio e poi di nuovo punto e a capo.. ufff era diventata una barba… certo dolori fortissimi come l’operazione non li sentivo.. però ecco erano fastidiosiiiiiiii poi la pelle super irritata nell’ultimo periodo non agevolava le medicazioni -__-” va beh è andata 😀
      Sai cosa mi hanno detto?? “tu sei il classico esempio di persona che predica bene e razzola male” 😀 perché ho sempre cercato di spingere gli altri a curarsi (io per prima non mi sono mai tirata indietro su niente.. fatta eccezione per questa operazione).. a superare degli ostacoli dettati dalla paura dell’ignoto e quindi a sottoporsi sempre alle cure migliori per loro.. talvolta sminuivo o sdramattizavo la situazione.. poi sono arrivata io con la paura del bisturi et voilà il patatrac 😀 adesso dovessi farlo un’altra lo rifarei subito…anche se mi dicessero “sentirai tutto” .. non mi tengo più niente 😀
      Beh è tempo di vacanze 😛 ma io non sparisco più 😀

      un abbraccio

      Lely

  3. Ok, ho letto.
    Mamma mia, Lely, cos’hai dovuto passare! Ci credo che è stato un incubo.
    Io 4 anni fa ho avuto un ascesso sulla coscia sinistra, me lo sono bucato da sola con un ago e quello che è uscito non si può immaginare. E’ rimasto il buco aperto anche a me, aveva le dimensioni di un ditale per cucire, molto più piccolo del tuo, ma andava tenuto aperto allo stesso modo. Capisco il dolore, anche se non l’ho provato quanto te.
    Però basta, adesso stai meglio e sei qui con noi.
    Col passare del tempo è cambiato qualcosa un po’ ovunque, ma te ne accorgerai leggendoci 😉

    • uuuh anch’io qualche anno fa ho sperimentato un ascesso, però alla gamba destra.. ma per posizione e dimensione non mi dava fastidio come questa ciste suppurata 😐 .. ho fatto la mia terapia antibiotica, la mia pomatina e poi un giorno si è bucato da solo.. è uscito di tutto e di più e col tempo si è richiuso da solo…
      questa come dici te è stata qualcosa di carattere diverso seppur simile nella gestione…
      Siiiiiiiii sto bene!!! ora sono qui con voi e non me ne vado più!! (suona come minaccia lo so, ma non abbiate paura della Lely)
      E addio post interminabili!! 😀

      Adesso ho qualcosa in più da fare alla sera.. recuperare i post perduti!! 😀

      Baci

      Lely

      • Di certo non ti annoierai 😉

  4. ciao Lely. Mi dispiace di questa tua disavventura, ma sono contenta che ora le cose vadano meglio. Sono io che ti ringrazio. Sentire parlare del Natale con questa temperatura mi rinfresca 😉
    Un bacio

    • Ciao Morena!!!
      grazie per essere passata a salutarmi 😀 non sai che gioia leggere scrivere giocando!! l’ho bramato per troppi mesi!! come sempre è stato un successone e sono contenta che con la mia “disavventura” ho rinfrescato la sua esistenza e anche te! 😛
      un abbraccio,
      Lely

      PS: non sono responsabile dei temporali di oggi!!

  5. Cavoli, otto mesi turbolenti, non c’è che dire, non ti sei fatta mancare niente. 😯 L’importante è sapere che adesso almeno ti stai riprendendo.

    Da parte mia troverai poche novità eccitanti, giusto qualche osservazione estrosa qua e là del mio quotidiano, come al solito.

    Ah, eh, oh, ehm… BENTORNATA!!!! 😎

    • in effetti una cosa mi è mancata… le perline!! 😀 😀 che ho rimpiazzato con il forno 😐 non che mi piacesse questo scambio però ho conciliato il fatto che stessi sempre in piedi e i libri di cucina che prendevano polvere 😀 poi i mesi freddi.. e il forno aiutava un po’ 😀
      non sono andata maluccio in questa nuova attività perché io sono ancora viva e idem chi assaggiava con me 😆

      Ah ma anche le piccole cose mi emozionano.. perciò vedrai che leggerò tutto con lo stesso entusiasmo

      Grazieeeeeee 😀

      PS: parlavo di entusiasmo.. beh forse sono esagerata ma ho quasi pianto quando ho provato a sedermi per la prima volta..e non per il dolore/fastidio ma solo per il fatto di poterlo fare.. e ho pianto quando ho infilato per la prima volta dopo 8 mesi il mio paio di jeans!! forse sarò “pazza” ?!?! 😀 😀 😀

      • no, non sei pazza, non per questo perlomeno 😉 e, anzi, ti posso ben capire… per chi viene privato della propria “normalità” da un malanno grave certe cose, solitamente date per scontate o banali, acquistano tutt’altro valore… lo so bene eccome questo.

  6. Eccoti finalmente, altro che mannaggia, ma come dice la nostra Pat, Bentornata Cucciola – beh, Cucciola un po’ lo sei anche dell’Arthur, no? 🙂 – sono contento di vederti nuovamente in pista (che brutta frase… 🙂 ).
    Bello in numero di Scriveregiocando e bella la tua foto: BRAVA, BRAVA, BRAVA, come sempre d’altronde. Ma possibile che non l’avevi ancora vista? Porcacc…!!! 🙂

    Adesso non devi fare altro che fare un salto nel mio blog per i saluti ufficiali, è tanto che non si vede una Lely da quelle parti, mannaggia. 🙂

    Ciao, un bacione, riguardati e buona serata.

    ps: pasticci ancora con le torte? 🙂

    • *____________________* Arthur!!!
      che gioia vedere che ci sei anche tu a salutarmi 😛
      Ebbene vedere Scriveregiocando in tutta la sua bellezza mi ha fatto un altro effetto.. una commozione immensa.. non so forse perché ero devastata da un sacco di emozioni e dal fatto di veder tagliato quel nastro di arrivo… (che brutta anche la mia 😀 ) però ho aperto i rubinetti!! 😀

      Passo subito!!! a salutarti 😀 😀

      un abbraccio

      Lely

      PS: no ho chiuso il forno per ferie.. con il caldo che fa non mi azzardo ad accenderlo.. ma appena arriva l’autunno ho in mente degli esperimenti nuovi.. tu prepara la pancia perché diventerai il mio assaggiatore ufficiale, ti fidi no? 😀 😀 😀

  7. Signori e signori: E’ ritornata la mia amica Lely!!!! 😀
    Vedo che hai dato un’eccellente spiegazione su ciò che ti è capitato, ho letto tutto il post (anche se sapevo già 🙂 )
    Ora non ti resta che riprendere un pò per volta le vecchie abitudini, mi dispiace che ci sono persone che han pensato che le tue erano scuse per non uscire o non frequentarli…. da parte mia c’è stato sempre interesse per la tua salute – e siamo lontani – vabbè la cosa è soggettiva, ogniuno la pensa e crede come vuole. 😉
    Dai allora ancore bentornata su questo tuo blog, che diciamoci la verità si sentiva un pò orfano.
    Ok non mi resta che augurarti che il peggio sia passato e se per caso ti toccherà di fare un’altro intervento di riuscire a guarire in fretta! Oh se non l’hai capito: mi sei mancata! 😀 😀
    Buona notte, un bacione, smack! :*

  8. Che disavventura! Ho avuto a che fare anche io con una ciste “scoppiata” ma probabilmente vista la posizione (cuoio capelluto) non aveva comportato tutte le complicazioni di cui ho letto. Che dire, un sentito BENTORNATA!

  9. P&P ci seeeeeeeeeeeeeeei mancaaaaaaaaaataaaaaaaaaaaaaaaaa!!! taantoooo tantoooo tantoooooo!!!

  10. Eccomi di ritorno dal mare, ma scusa, non sarai per caso sparita di nuovo? 😦

    Un bacione Lely e fatti viva, mannaggia.

  11. Ciao ciao ciao, sono tornato e tu sei partita? 🙂

  12. Io sto bene e tu? 🙂

  13. Vedo che non ci sono nuovi aggiornamenti, si vede che forse hai più voglia di leggere che scrivere 😀
    Buona domenica Lely, un abbraccio :*


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: