Pubblicato da: pensierieperline | 21 settembre 2011

Vintage!

La macchina del tempo, questa è la sensazione quando entro in casa mia o in altre case… penso che dietro ad ogni oggetto c’è una storia e un periodo storico.. pensiamoci bene: “casa nostra racconta noi stessi e la nostra vita” o forse mi sbaglio?
Ad esempio appena entro nella mia quel pesciolino di murano mi ricorda una gita particolare, la foto sul mobile invece mi ricorda chi ero e chi sono, chi è la mia famiglia e il momento in cui è stata scattata…
Come già sapete la mia vacanza è stata dedicata in parte a “truccare” la mia piccola Home Sweet Home 😀 e un giorno mentre verniciavo il finestrino ( facendo invidia a Daniel Russo in Karate kid! ) mi sono persa nei miei soliti pensieri..
Un giorno se avessi una casa tutta mia come sarebbe?
ed è questo quello che ho tirato fuori…  vi anticipo già che sarebbe un minestrone che più minestrone non si può.. ma queste sono le cose che in questo memento mi piacciono.. che sento mie.. forse perché in qualche modo legate a me a quello che sono io… poi chissà, magari quel giorno la mia casa sarà in classe A, un quadrato con delle finestrelle quadrate in un grattacelo e con un pannello touch programmerò tutto di quella “scatola di sardine” che chiamerò casa… mah togliendo per ora questa idea malsana di progresso.. andiamo alla mia Dream House…  *__*

La parolina magica è Vintage! Ebbene ho messo assieme i pezzi e ho capito che io amo il Vintage!

Da piccola quando capitava di aggirarsi per qualche fiera o mercatino non amavo soffermarmi a vedere oggetti di “epoche passate”, vedevo però la mia bisnonna conservare molte cose (e forse la sua influenza vive ancora in me visto che ormai non butto via quasi niente, ma di questo ve ne avevo già parlato)… dalla mania di conservare tutto sono passata presto anche alla voglia di epoche passate epoche che vivono in me attraverso racconti e storie, la voglia di avere qualcosa che mai potrò assaporare (la macchina del tempo non l’hanno ancora inventata ahimé)..
Qualcuno un giorno mi disse che mi sarei ben presto pentita di vivere negli anni che non mi appartengono per natura.. chi può dirlo! è vero ora studio per un lavoro che penso di amare ma che 80 anni fa mai nessuno si sarebbe sognato.. chissà magari 80 anni fa avrei potuto essere dietro a un bancone di una merceria a servire delle clienti, oppure in una bottega di una sarta… oppure essere la moglie di un ricco possidente e sperperare il suo denaro in boutique di alta moda.
A parte questo libero sfoggio di pensieri a briglia sciolta.. mi sono di colpo accorta come vi dicevo di amare il Vintage!
d’un tratto mi sono riscoperta più attratta da quei mercatini e fiere che da piccola osteggiavo, benedico ogni giorno la mia bisnonna per aver conservato così tanta roba, sorrido a vedere degli accessori “insoliti” e demodè ma che profondamente amo possedere…

Perciò un giorno sogno di avere la mia casetta dei primi del 900 con un discreto giardino un bellissimo cancello in ferro battuto color marrone  e di arredarla al suo interno con oggetti vintage…

un vecchio telefono a disco tipo :

che sarà in ingresso sopra a un tavolino a 3 gambe con piano in marmo mentre in sala ci sarebbe questo:

(aaaah quanti ricordi, ricordo che quando era domenica e dovevo chiamare i miei nonni in Sardegna ero sempre io che volevo fare il numero! mi piaceva girare il disco e sentire quel rumore mentre tornava alla posizione iniziale)

nella stanza che definirei “studio” mi piacerebbe avere questo telefono:

e in camera ci sarebbe sul mio comodino quest’altro :

Ma di certo non posso parlarvi solo di telefoni!

Un’altra stanza a cui ho pensato è stata la cucina: mi piace l’idea di poter avere una cucina in stile anni 70 un po’ optical e con delle mattonelle bianche e nere.. degli sgabelli con le gambe in ferro sottili sottili… per rendervi bene l’idea ho trovato queste immagini:

(Sono contenta di aver trovato qualche mobilificio che ripropone un po’ lo stile Vintage…)
per le sedie mi riferivo a queste famosissime in formica! Chi non si è mai seduto almeno una volta nella sua vita su una di queste sedie?!

e ora anche loro vengono riproposte un po’ modernizzate ( io le trovo molto carine!! e colorate proprio com’è nel mio stile) :

In sala invece sulla parete di sicuro ci sarebbe un quadro di Audrey Hepburn tipo:

oppure questo:

In camera oltre al mio telefono anni 60′  so per certo che vorrei della carta da parati a fiori:

oppure della carta da parati particolare come questa che “fiorisce” col calore…
ma la carta da parati che fine ha fatto?!? no perché ormai è difficile trovare una casa che ce l’abbia! forse sono io che frequento case senza carta da parati?!?

La stanza “hobby”  (sempre ammesso che io abbia lo spazio per averla nella mia villetta primi 900) invece raccoglierebbe un mix di tutto a partire dal fatto che sarà coloratissima in stile anni 70

Non vi ho ancora parlato del bagno! questo invece sarebbe in stile primi del 900 con i rubinetti decorati e la mitica vasca con i piedini

e questa bene o male è parte dell’idea di casa che vorrei… una casa vintage! un museo delle epoche passate…

Sorrido pensando a quando quelle rare volte mio zio mi mostra fiero i suoi vinili e con molta cura li ripone, alla vista di un tubino che mi ricorda tempi passati,  al profumo di un libro con le pagine ingiallite dal tempo, al rumore che faceva mio nonno quando scriveva con la sua vecchia macchina da scrivere (aaaah quanto mi piacerebbe potermi sedere davanti a una scrivania e scrivere con questa macchina -se un giorno dovessi mia trovarla e comprarla di sicuro starebbe nella stanza adibita a studio- e ricevere nella buca delle lettere una lettera scritta da una di queste macchine e la busta avrebbe tutto il fronte riempito da francobolli coloratissimi)  e rido anche alla vista di questo orologio che so essere di “poco valore” ma che però mi piace! perché ha sapore di tempi passati quel sapore che in questo periodo sento ardere dentro me.
Sono contenta che talvolta nel nostro quotidiano ci sia ancora qualcosa che risvegli in noi questa magia che solo la parola Vintage può racchiudere…
Satura da questi pensieri e immagini vi lascio sperando di aver risvegliato in voi un po’ di nostalgia dei tempi passati

PS: ora a distanza di qualche minuto sono ritornata un po’ e in me e ho realizzato che forse il mio progetto Villetta Vintage mi costerà più di un appartamentino moderno in centro città.. ‘nnaggia dov’è che ho lasciato il milionario da sposare?!? 😆

Vi segnalo un blog vintage che ho trovato nelle mie ricerche: http://rosaspinavintage.blogspot.com/

Lely

PS2: ma quante volte ho scritto la parola Vintage!?!? 😀

Annunci

Responses

  1. E allora, Lely, cara la nostra romanticona… beh, io ho sul comodino del letto il “Grillo”, il mitico telefono disegnato negli anni ’60 da Marco Zanuso (il mio professore di progettazione architettonica al politecnico di Milano). Amo di un amore viscerale tutto ciò che è design di quegli anni, ma anche degli anni ’70 e ’80, quando design voleva dire Zanuso, Castiglioni, Magistretti, Ettore Sottsass, le rivisitazioni dei mobili disegnati da Le Corbusier, Marcel Breuer, Ludwig Mies Van Der Rohe, da parte di Cassina, insomma la storia del design Italiano che oggi è, come dire, un po’ in defaiance, secondo me, per carenza d’idee o forse per troppe idee futuriste.

    D’altra parte questi grandi sono stati uno stimolo e noi “giovani” design, abbiamo bisogno di tempo per metabolizzare tutto ciò che di bello è stato creato.

    Ma al di là di tutto ciò, anch’io amo il vintage, anche se sono un po’ noblesse oblige nella scelta delle cose che amo.

    Anche in questo oggi, secondo me, c’è tanta confusione, e vale per il vintage, come vale per l’antico. Parecchia roba è banale, scontata, senza alcun valore, da non prendere seriamente in considerazione, è comunque sia un fatto culturale e in quanto tale, al di là di ciò che può piacere d’impatto, il resto va visto collocato nell’epoca che l’ha generato.

    La mia casa è da un lato sfacciatamente moderna e dall’altro, molto conservatrice. Ho l’antico, ho pezzi che vengono dalla mia famiglia, ultima una libreria piccolissima in noce nazionale che viene dall’Egitto, dalla casa dei miei bisnonni, che ha fatto il giro delle case di famiglia, mia nonna per prima, mia mamma dopo ed io per ultimo (almeno per il momento). Sono molto legato alle tradizioni – da buon siciliano – per cui sono un discreto conservatore (non butto via quasi nulla) e alle volte dico che potrei aprire un banchetto e andare a vendere un po’ di roba in qualche mercatino dell’antiquariato, magari chissà…

    Evvabè, come vedi mi sono dilungato, ho scritto quasi un post, ma l’argomento mi piace e a quanto vedo, abbiamo gli stessi gusti.

    Ciao romanticona, ci sentiamo presto.

    • wooooooooow hai il grillo sul comodino….
      hai fatto male a dirmelo potrei venire a “rubartelo” 😀
      cavoli hai avuto Zanuso come prof… *__*
      aaaaaaaaah Arthur se i commenti sono così sentiti libero di lasciarmi pure dei “post” !!

      anche a casa mia ci sono delle “cose” che hanno fatto il giro di case… ma una che arrivasse dall’Egitto mai.. chissà com’è bella

      pensa te che quando l’ho scritto ho pensato.. magari qui mi prendono per pazza o per una senza gusto.. e invece sono sempre la solita criticona e pessimista… 😛
      penso che la mia casa un domani forse assomiglierà alla tua perché infondo qualcosa di moderno che ho visto in giro non mi dispiace affatto …

      PS: quando decidi di aprire il banchetto fammi un fischio che ho un bel po’ di robetta… naaaaah prima però mi devo decidere a separarmene.. ed è duraaaaaaa

      Urca come si fa a mette LIKE sul commento?!? 😀 è troppo bello!!!

      • Ebbene si, sul comodino ho il grillo ed ho anche una lampada che io chiamo la caffettiera, cioè la Gibigiana, la famosa lampada che ha disegnato Achille Castiglioni per la Flos nel 1980 ( http://www.panik-design.com/acatalog/Flos_-_Achille_Castiglioni_-_Gibigiana_2-72882.html#aflos_2dgibigiana1 )
        La conosci?

        Eddai, per la scuola che fai dovresti conoscerla. 😉

        Pensa che un anno di qualche anno fa, insegnavo in una scuola professionale architettura d’interni e siccome mi piaceva che i miei allievi fossero informati sui grandi del desing italiano, un giorno li ho portati a Milano alla Triennale, dove c’era appunto Achille castiglioni che parlava delle sue opere, di come erano nate ecc. ecc.
        Ad un certo punto ha preso dalla scrivania la Gibigiana e l’ha smontata tutta. Mentre lo faceva raccontava come gli era venuta l’idea e delle difficoltà che aveva trovato nel realizzarla. Spassosissimo, uomo di grande cultura, ma anche molto ironico, così come dovrebbero essere tutti i grandi, l’ironia dell’uomo qualunque, intelligente ma qualunque.

        Lui e suo fratello sono stati il pilastro della storia del design Italiano, eppure non lo dava per nulla a vedere. L’umiltà di chi non deve dimostrare nulla.
        L’aula era gremita di gente, molti giovani ed era bellissimo, perché lui in quel momento, aveva dato una lezione di vita.

        Evvabè… tornando a noi, affare fatto, se decido di aprire un banchetto ti chiamo senz’altro. 🙂

        Ciao tenerona, ‘notte e sogni d’oro!

  2. a me di Magistretti piace Eclipse http://www.designaddict.com/design_radar/index.cfm/fuseaction/design_radar_one/radar/10003/Eclipse_(Eclisse)_Vico_Magistretti_Artemide/ 😛
    mentre di Castiglioni Taraxacum88 http://www.achillecastiglioni.it/it/projects/id-11.html
    e taccia http://www.achillecastiglioni.it/it/projects/id-24.html
    mmm si ho un po’ un debole per l’illuminazione…

    Dai!! non sapevo avessi fatto anche il prof 😛 ti avrei voluto come docente.. e avrei voluto assistere a quella “lezione di vita” che ha dato Castiglioni…

    Per diventare dei grandi bisogna prima conoscere e imparare dai grandi….

    Ciao prof! 😛

  3. It’s enormous that you are getting ideas from this post as well as from our dialogue made at this place.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: