Pubblicato da: pensierieperline | 6 gennaio 2011

I love technology or hate it?

Forse presa dalla stanchezza di ieri notte per il consueto giro in “sella” alla mia scopa.. o forse per il giorno di festa.. o forse per chissà cos’altro sta di fatto che oggi non ho combinato niente di quello che mi ero prefissata.. praticamente non ho fatto niente mi sono sollazzata nell’ozio, nel calore della mia famiglia e nei miei pensieri!

Oggi mi sono arrivati un sacco di messaggi carini di auguri 😛 e una cosa che faccio di solito è scriverli su un’agendina piccola che porto sempre con me.. ci scrivo questi messaggi ma anche aforismi, pensieri o frasi che mi hanno colpito e che voglio portare sempre con me… magari qualcuno penserà che è una cosa “stupida” eppure a me piace farlo!
Oggi come quasi tutte le volte avevo la memoria del telefono piena e quando capita mi prende un po’ il nervoso perché so che dovrò dire addio a uno di quei messaggi.. oppure perché finalmente dovrò mettere da parte la pigrizia e cancellarli?? 😆
In men che non si dica mi sono ritrovata a leggerli praticamente quasi tutti.. per poi decidere quali saranno stati cancellati da li a poco.. e mi sono stupita!! perché avevo su dei messaggi anche di 4 anni fa!!
ma la cosa che mi ha colpito è stata come quel “ok passo per le 9.00” o “sto uscendo ora di casa arrivo tra 5 minuti” oppure ” Grazie, mi hai aiutato tantissimo…” scritti nel giorno x,y o z… abbia risvegliato in me il ricordo di quel giorno e per di più sapevo dargli una spiegazione collocarlo nel passato… un messaggio così apparentemente poco significativo eppure riuscivo a ricollocarlo… ( e pensare che per certe cose che studio questa cosa non capita quasi mai! passa del tempo e puff viene rimosso.. un po’ come se si trattasse di memoria RAM! 😆 ) a volte mi fa rabbia questa cosa.. perché non posso ricordarmi tutto così come ricordo il mio passato anche da una semplice frase che qualcuno mi ha scritto tempo fa?
altra cosa che mi ha fatto pensare è stato come un oggetto così piccolo (almeno uno dei miei cellulari lo è ) possa racchiudere così tanto di me, possa essere come una scatola di cartone che quando ho voglia apro e rivivo quella che ero, quello che ho fatto anni fa… è strano come un oggetto inanimato acquisti così tanta importanza per noi…

fonte: http://www.no-privacy.it/recuperare-gli-sms-cancellati-7.html

Ci sono però dei momenti in cui il cellulare non vorremo mai averlo, quando riceviamo una chiamata da qualcuno che proprio non ha intenzione di lasciarci in pace, quando qualcuno chiama e in quel momento stiamo facendo qualcosa per cui non vorremmo essere disturbati, l’essere sempre raggiungibile anche quando abbiamo bisogno di staccare dal mondo per un po’ per capire di più noi stessi.. oppure quando riceviamo un messaggio tremendo carico di tristezza che ci fa star male solo a leggerlo o quando riceviamo una richiesta di aiuto che è troppo anche per noi e vorremo mai aver ricevuto quel messaggio oppure quando litighiamo con qualcuno e questa persona ci scrive per sms quello che avremmo voluto sentir dire da lei faccia a faccia.. talvolta questa tecnologia non mi piace anche se la studio…

ci sono delle volte che vorrei tornare ai tempi dei nostri genitori quando tutto questo ancora non c’era…
Certo ho affrontato solo il lato negativo.. certo ammetto che qualcuno non vivrebbe mai senza telefono che ormai è diventato parte integrante di lui/lei…  ammetto che ci sono persone innamorate che non si addormentano se non ricevono il messaggio del proprio partner.. chi invece ama rileggere i messaggi scambiati con la persona che ama prima di addormentarsi… ecc ecc
eppure mi piacerebbe prender la macchina del tempo e tornare indietro quando tutto questo ancora non c’era quando FB non c’era.. quando Internet non c’era… e vivere la vita per quello che è.. non assorbita da tutta questa tecnologia… che talvolta ci fa più male che bene.

Quando si vivevano apertamente i rapporti quando litigare lo si faceva faccia a faccia quando si giocava assieme in giardino a palla e non davanti a una tv o su internet, quando non c’era Facebook e non si sentiva la necessità di guardare il profilo del tuo amico/a o di scoprire che quello che pensavi non era vero.. o vedere delle foto che possono farti male quasi come le parole.. quando un datore di lavoro non ti assumeva per quanti amici avessi in FB ma perché vedeva che avevi voglia di imparare quel mestiere quando un amore non finiva per una foto o una frase fraintesa su FB… quando uscire alla sera era così bello e non dovevi preoccuparti troppo dei posti che frequenti di tutte quelle cose che oggi affollano i nostri giornali e le nostre tv… quando due bambini potevano tranquillamente attraversare la strada per comprare un gelato al bar di fronte senza che gli succedesse qualcosa.. quando partire per un viaggio con la 500 era come partire per un’avventura anche se andavi a 2 ore da casa tua.. quando l’unico optional sulla macchina poteva essere l’autoradio e se non c’era si intonava sempre qualche canzone a cappella… quando guidare significava guidare e non avere un auto super accessoriata che si connette a internet che ha il navigatore che ha il lettore mp3 i vetri oscurati i sensori il park assist e tutte le cose che ci sono ora…
ci sono giorni in cui il progresso non lo digerisco proprio… è come se sputassi nello stesso piatto in cui mangio perché in qualche modo lo sto studiano perché in qualche modo mi darà lavoro… ma oggi sono negativa o meglio ora lo sono e una volta che si innesca il filo dei pensieri solo quando arriverò alla fine potrò farne un bilancio…
è come se le nostre vite fossero legate da un filo di bit

Beh concludo dicendo che tutto sommato la tecnologia non è poi così negativa ha i suoi aspetti anche positivi.. diciamo che è un arma a doppio taglio sta a noi decidere come maneggiarla possibilmente senza farci male.. forse forse per certe persone “fragili” sarebbe il caso di inserire una sorta di “porto d’armi” che certifica l’idoneità.. così da non rischiare che questa persona si rovini utilizzandola nel modo più sbagliato possibile… sarà che sono anche stufa di leggere cose deprimenti sulla mia bacheca di Fb o di consolare l’amica che pensava di aver trovato l’uomo della sua vita in una chat! o altro ancora… oggi son così
mi dispiace aver iniziato l’anno con un post un po’ duro, un po’ deprimente un post che non è solito a me… ma mi sentivo di scrivere tutti questi pensieri che mi affollavano la mente… chissà magari tra qualche giorno, mese o anno rileggendomi ci riderò anche sopra :mrgreen:
Beh vi lascio con la canzone con cui ho terminato di scrivere questo post…
come sempre un ever green che sta sul mio mp3… la mia voglia di passato non si arresta mai!
spero che i Poison vi piacciano 😛

Annunci

Responses

  1. Anch’io conservo tutti i messaggi, quelli più significativi intendo, e ho sempre il problema quando arriva un nuovo messaggio che devo liberare spazio per farlo entrare, e quindi ogni volta li rileggo tutti per decidere quale mi è meno duro sacrificare, anche se a volte la parte dura è proprio rileggerli.

    Ultimamente ho copiato tutti i messaggi che ci eravamo scambiati con una persona e glieli ho mandati per il suo compleanno: era tutto ciò che mi rimaneva di lui.

    Non li ho mai cancellati, ma un mese dopo ho cambiato telefonino: tecnologia o non tecnologia, la vita va avanti.

    Mai dimenticare il passato, ma il passato deve nutrire il nostro presente, non impossessarsene.

    Tutto ciò premesso, io amo la tecnologia, non vorrei tornare al passato come non vorrei tornare ai lumi ad olio però in varie occasioni, come quando per esempio ci fu in Italia un black out di due giorni, mi sono resa conto di come ne siamo dipendenti e di come dovremmo imparare a vivere, all’occorrenza, “anche” senza.

    Buon 2011, con la giusta tecnologia, quel tot che serve a renderci la vita comoda senza renderci dipendenti :D.

    • Hai colto pienamente nel segno Diemme…
      per i messaggi è difficile dire addio a qualcuno ma la parte più difficile è leggerli e decidere quale dovrà lasciare il posto a quello nuovo…
      è per questo che presto comprerò una nuova “agenda” per contenere quelli nuovi che arriveranno..ormai quella vecchia è piena!

      Che bel regalo di compleanno hai fatto 😀 molto originale e carino… prenderò spunto 😛

      Adoro la tua frase “Mai dimenticare il passato, ma il passato deve nutrire il nostro presente, non impossessarsene
      penso che questa la trascriverò su carta e nella fattispecie nella mia “agenda”

      Ti dirò nemmeno io la odio poi tantissimo… però quando vedo certe cose i miei pensieri diventano presto negativi.. e quando succedono cose come l’esempio che citi tu che ci fanno capire quanto ormai dobbiamo alla tecnologia mi viene rabbia perché è come se avessimo dimenticato come i nostri avi vivevano benissimo senza.. come si arrangiavano sempre in tutto.. è quasi come se la tradizione fosse scomparsa… non so se mi spiego bene…

      Buon 2011 anche a te :mrgreen:

  2. No no.. Io indietro non ci tornerei.. Ma mi ci vedi, a me dipendente dalle mail, a non poterle controllare 50 volte al giorno come faccio adesso?!! Ahah

    • XD hai ragione Mony… poi dopo il tuo nuovo acquisto il tutto è reso molto difficile 😀 ti dirò che inizia a piacermi anche a me il tuo “giocattolino”… sarà per il nuovo “menù” che mi hai mandato per mail??:D
      in effetti ora ragionandoci.. sai che tu sei la prima delle mie amiche che aveva internet ancor prima che ce l’avessero tutte le altre.. :mrgreen:

  3. La tecnologia non è così negativa , è vero , ma se non ci si lascia trasportare è anche meglio.

    • Hai ragione Marta mi sono dilungata in un post kmetrico senza però rendere aspetti negativi e aspetti positivi nella giusta quantità… mi sono soffermata solo su quelli negativi…
      il segreto sta nel non farsi trasportate ma proprio come dice Diemme ormai siamo quasi tutti vincolati a qualcosa di tecnologico e vivere senza diventa difficile a volte…

  4. Non sono nato con tanta tecnologia ma oggi non potrei farne a meno. Credo che sia un’alternativa in più alla nostra vita e che non è poi tanto vero che non possiamo farne a meno. Ogni epoca ha la sua scorta di “novità” e pensare di continuare a vivere così come si era 20, 30, 40 anni fa è non soltanto inverosimile, ma anche contro ogni logica. Si cresce anche con queste “novità” e se penso che oggi tante cose siano a portata di mano, beh, come rinunciarci?

    Del telefono non sono e non lo sono mai stato un grosso dipendente, lo utilizzo, è vero, mando anche parecchi sms, ma al di là di tutto ciò, non lo ritengo il mio alter ego, potrei anche farne a meno, tanto c’è il computer… 😆

    Per esempio, pur essendo un grosso fruitore della rete, mi sono sempre rifiutato di scrivermi a Facebook, ma solo perché come tutte le cose alla moda, è troppo inflazionato e poi preferisco cucirmi uno spazio più su misura, come il mio blog, dove chi viene può comodamente accomodarsi, senza l’obbligo di eventuali file o stati confusionale per l’ansia di appartenere.

    Insomma, sono un tecnologico, e penso in questo senso di non aver mai smesso di studiare, ma oltre che per il lavoro, questa tecnologia mi piace utilizzarla per stimolare una curiosità che, nel tempo e per fortuna, non è mai svanita nel nulla.

    Ebbene, lo ammetto, sono un curioso e sono contento di esserlo.

    Ciao e buon fine settimana (bell’articolo!)

    🙂

    • Ciao Arthur!!!
      Beh ma qualche abitudine mi piacerebbe conservarla.. e non che venga totalmente eclissata…
      Oddio io poi essendo molto curiosa se una “novità” mi prende.. la devo assolutamente provare, giudicare… ecc ecc quindi non sono poi così negativissima con la tecnologia ma ecco ci sono dei momenti che quasi quasi sembra opprimermi… ma sono veramente pochi per fortuna!! 😛

      Ma dai?!? pure io mando molti sms… poche telefonate.. e comunque il telefono lo trovo molto utile! 😀 certo ci sono delle volte che esco di casa senza -__-” tanto per far scatenare la preoccupazione ai miei genitori 😆 (dai non sono così cattiva.. è solo che a volte quando uno è di fretta può capitare di scordarsi di prenderlo) non sono una fanatica nel personalizzarlo e mi sono resa conto che l’ultimo modello superIPERteconlogico non serve a niente.. solo ad aumentare il prezzo e stop.. perché i miei cellulari principalmente mandano sms e chiamano poi se hanno una fotocamera scadente o altre cose così poco me ne importa 😀 tutte le altre funzioni “sofisticate” sono adatte a un certo tipo di target non certo ad esempio a degli adolescenti che lo vogliono perché è di moda -__-”
      Sto però valutando un BlackBerry per quando sarò donna in carriera 😀 quello non mi dispiacerebbe averlo :mrgreen: anche perché penso che avrò molto più traffico importante da gestire che ora 😛

      😦 FB detiene i miei dati sensibili HAHAH nel senso che sono presente in quella “grande famiglia”… e per giunta ho i miei prof anche come amici :-S tutta una sorta di idea innovativa… mah!

      Condivido in pieno il tuo pensiero sul blog… e penso che moltissime persone agiscano come te *__*

      Ciao “collega” curioso 😀 e grazie per aver apprezzato il mio articolo!

  5. Sembra proprio così , o forse riteniamo la tecnologia così vitale solo perchè non abbiamo neanche provato a stare un periodo senza. Io ricordo perfettamente tutti i vari passaggi che mi hanno portato dalle mangiacassette all’ipod. Ogni tanto mi ci soffermo a pensare , è diabolico. Eppure potrei benissimo vivere senza. Se solo volessi.

    • Beh, io ammetto che senza non ci vivrei benissimo, però ogni tanto un bel periodo di disintossicazione ci sta bene, e ci fa apprezzare tutto il resto.

      Io ho la fortuna di avere una figlia “antitecnologica” di quelle che scriverebbero (e a volte si diverte a scrivere) con la penna d’oca sulla carta pergamena, e se le serve un panino o un biscotto li impasta e se li prepara; devo dire che con la nostra manualità al posto della tecnologia il mondo ha un profumo diverso.

      Anche per quanto riguarda i contatti umani, meglio profondi con due vicini di casa che superficiali con 200 “amici” fb.

      Io, almeno, la penso così.

      • E hai ragione Diemme , anzi dopo quello che mi hai detto invidio tantissimo tua figlia. Io per esempio non sono iscritta a facebook e come telefonino ne ho uno pagato 30 euro che come funzione speciale-super-ultra-potente ha la calcolatrice. Peccato però che non ho la vostra stessa manualità , mi piacerebbe.

      • Ehm, forse non mi sono spiegata, intendevo “nostra” in senso lato, del genere umano. Volevo dire, l’intervento dell’uomo ha un altro sapore rispetto all’asettica macchina.

        Per esempio, ultimamente ho preso una multa, per un’infrazione rilevata elettronicamente, che un vigile in carne ed ossa sono sicura non mi avrebbe fatto anzi, mi avrebbe consolato, consigliato, rimesso sulla retta via 😉

      • Con o senza senso lato , io e la manualità viviamo su due mondi diversi ( ma a questo nel tempo si potrebbe anche rimediare ) . E il tuo esempio mi fa capire che la tecnologia a volte è anche bastarda.

  6. Ragazze.. il mio periodo di disintossicazione è in estate dopo gli esami quando una fetta importante di tecnologia può essere sacrificata.. il mio PC…
    quindi forse presa dalle mille cose da visitare, da fare e anche da fotografare (tanto per dedicarci più a noi e agli hobby) la tecnologia non diventa più importante.. anzi la sacrifichiamo anche più volentieri e senza apparente sforzo 😀

    Sai Diemme che io la corrispondenza postale la uso ancora.. perfino gli auguri di Natale (stando in tema visto il periodo appena trascorso) li ho inviati tutti per posta.. quando ora basta un sms con due parole… ma vogliamo mettere un bel biglietto colorato di auguri e la curiosità di aprire quella busta 😛

    Come manualità non mi lamento… certo in cucina non sono poi così brava come con le perline ma me la cavicchio 😛
    non sono proprio come tua figlia che se ha voglia di biscotti li fa e non li va a comprare ( la stai educando benissimo!! *__* sei una super mamma 😀 )
    però talvolta mi diletto pure io nell’arte dell’arrangiarsi ed è così tremendamente bello *__*
    cucinare ad esempio una torta con mia mamma per poi gustarcela a merenda insieme al papy è qualcosa di bellissimo e mi mette moltissima allegria.. tutta questa allegria non ci sarebbe se la comprassi già fatta!

    ‘nnaggia Diemme.. che Sfiga!! (<– concedimelo 😆 )

    Grande Marta hai reso benissimo il concetto (citato sopra) …
    dai non disperare sulla manualità con un po' di esercizio la si acquista di sicuro 😀

  7. Grazie cara , incrocio le dita e ancora ci spero in questo miracolo!

    • al massimo c’è la master card! scherzoooooo spero di non averti offeso con questa battuta… se lo fatto ti chiedo già scusa..

      però a parte gli scherzi la manualità verrà sicuramente.. basta un po’ di esercizio e buona volontà =)

  8. Ma figurati se me la prendo , mi hai fatto fare una risata.
    E visto che sto a casa malata ti ringrazio pure 😉

    • :mrgreen: meno male 😀 sai scrivendo magari si può essere fraintese….
      ‘naggia… mi dispiace.. scommetto che l’influenza ha colpito anche te…
      in questo caso, un augurio di pronta guarigione Marta!!

  9. Grazie , oggi già va meglio! Ma più che influenza è stupidità mia che non mi copro .. e vabbè , pazienza!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: